Le regole di Vancouver: ristoranti aperti, ma niente ospiti a casa.

Gio, 21/01/2021 - 08:30
Il sidernese Francesco Macrì spiega la strategia del Canada

A Vancouver, in Canada, hanno adottato un metodo per non uccidere l'economia e cercare di tutelare la filiera della ristorazione, dopo la crisi causata dal Covid-19: tenere i ristoranti aperti, ma vietati gli ospiti a casa..

il radiologo sidernese Francesco Macrì, da due anni in Canada, dopo un trascorso in Francia e negli Stati Uniti, spiega come questa sia un'idea azzeccata: "Il paradosso è che si può andare al ristorante, con al massimo sei persone al tavolo, persone che si frequentano costantemente, però a casa non si può portare nessuno. Durante la prima ondata i ristoratori hanno sviluppato una certa coscienza per la paura di perdere il lavoro, per questo ora sono molto attenti nel rispettare le regole. I ristoranti e i bar chiudono quasi tutti intorno alle 23. A casa, invece, non si fidano di quello che facciamo, per questo risulta impossibile invitare qualcuno. Tra l'altro hanno istituito un numero, dove i vicini possono chiamare nel caso dovessero notare dei movimenti particolari e ho letto che ci sono state numeros chiamate".

Regole, dunque, diverse rispetto all'Itaia; ma che sembrano funzionare, soprattutto permettono al settore della ristorazione di continuare a lavorare.

Rubrica: 

Notizie correlate