L'Enotria che fa impazzire gli USA

Dom, 04/02/2018 - 18:00
Conversando

Dodici ricette calabresi nel libro di cucina “Lidia's celebrates like an italian", in uscita in America nei prossimi giorni dopo la recente visita in Calabria dell’Ambasciatrice della Cucina Italiana nel Mondo Lidia Bastanich. Stregata dalla squisita cucina dei giovani chef stellati calabresi anche Daniela Pergament del New York Times, lo scorso anno, aveva inserito la Calabria tra i 52 posti al mondo da scegliere e visitare. Che dire? Gli Stati Uniti sono veramente innamorati delle eccellenze enogastronomiche calabresi! Gli oltre 700 chilometri di coste rocciose alternate a litorali sabbiosi, gli splendidi colori del mare, la sua natura selvaggia e misteriosa, il clima mite, i sapori intensi e genuini della cucina locale e le testimonianze delle sue antiche origini rendono la Calabria un posto unico, da ammirare sia d'inverno che d'estate. E ovviamente non poteva mancare il vino, la cui affascinante storia risale addirittura ai tempi della Magna Grecia e che il passare del tempo non ha minimamente intaccato, al punto da renderlo un vino di tutto rispetto nel panorama nazionale e internazionale. “ ...gorgeously rustic reds, with aromas of roses and smoke and grippy tannins...” - così Eric Asimov, per il New York Times ha coronato il Gaglioppo, vitigno idoneo alla produzione della DOC Cirò, il “nettare ufficiale” delle Olimpiadi che cresce in modo disinvolto sull’aspra e siccitosa terra calabrese, inserendolo tra “I dodici vitigni rari e di maggior valore del mondo”. E ancora Wine Spectator nella lista dei 100 vini italiani selezionati per Opera Wine, non si lascia sfuggire il giusto riconoscimento a un vino made in Calabria, frutto di vitigni millenari, reale espressione del territorio. È il GB 2014 Calabria IGT della cantina Odoardi di Nocera Terinese il vino che dalla Calabria ha invaso l’olimpo della critica americana. Il vino GB è un blend composto da Gaglioppo, Magliocco, Nerello Cappuccio e Greco Nero variabili dal 10% al 30% ciascuno, sulla base dell’andamento climatico e delle curve maturative con vendemmia differenziata per qualità e altitudine. Why the sudden fascination with Calabria? Perché abbiamo l’opportunità di sorprendere il mondo facendo scoprire che la nostra cultura culinaria e il nostro vino di qualità sanno parlare e possono raccontare la parte più autentica e innovativa d’Italia.

Autore: 
Sonia Cogliandro
Rubrica: 
Tags: 

Notizie correlate