Locri, sindaco e vicesindaco rispondono al movimento “LocRinasce”

Mer, 21/05/2014 - 17:14
Ad un anno dall’insediamento come amministratori stilando un breve resoconto della loro attività

Il sindaco, Giovanni Calabrese, ed il vicesindaco, Raffaele Sainato, vista la richiesta da parte del circolo “LocRinasce”, e trascorso un anno esatto dalle elezioni amministrative, dopo un’attenta e pacata riflessione, hanno ritenuto opportuno fornire una giusta risposta. Dopo un anno d’insulti e d’illazioni sia sul piano politico che su quello personale, non si capisce a che titolo e con quale facoltà si possa pretendere un comportamento diverso da chi, oggi, è stato chiamato ad amministrare la cosa pubblica. Quindi, chi “esige dall’Amministrazione una condotta più consona al ruolo istituzionale …” dovrebbe avere, pur nella totale libertà di critica dell’operato della stessa, un atteggiamento di maggiore rispetto delle Istituzioni, delle persone e dei ruoli. È giusto attaccare, criticare, persino sospettare una Istituzione, pretendere trasparenza nei metodi e chiarezza nelle azioni, ma ciò non significa dover distruggerla o voler piegarla ai propri interessi. Il dubbio è un doveroso esercizio di cautela e prevenzione dal degrado morale che può arrivare ovunque, come dimostrano sia la storia dell’umanità che la cronaca quotidiana. Qualsiasi istituzione, compreso quella del sindaco Calabrese, deve poter essere criticata, setacciata e messa in discussione; qualsiasi Istituzione dovrebbe sottoporsi al giudizio di un’alta, vera e credibile, critica e ancor più fornire risposte limpide e convincenti sulle proprie malefatte, non le preconfezionate difese di categoria, sempre scivolose e spesso astruse. Come si può, quindi, pretendere di “ammonire” qualcuno quando il proprio comportamento è da espulsione con successivo “daspo”? Sono stati tirati in ballo i riferimenti ideologici del circolo “LocRinasce”, quali Calamandrei, Berlinguer, Falcomatà, mugugnando, ovviamente, su Julius Evola (citato dal sindaco) e Giuseppe Scopelliti. I “moralisti” locresi dimenticano (oppure l’hanno omesso volontariamente?) di raccontare ai cittadini, la loro condotta che ha determinato la sacrosanta, ferma e determinata reazione dell’assessore Sainato, che come riferimento ideologico non si rifà certamente ad Evola, ma sicuramente ad altri autorevoli e nobili politici quali De Gasperi e Misasi. Ma: dopo aver inventato e “sbandierato” sulla stampa locale la notizia di “bilancio truccato”; dopo aver “insultato” sulla stampa locale chi oggi con grande impegno, sacrificio e dedizione sta cercando di risollevare le sorti della Città dilaniata e spolpata a causa di quella trentennale azione politica che non pensiamo assolutamente possa essere frutto degli insegnamenti di Calamandrei e Berlinguer, sono intervenuti in consiglio comunale insultando il segretario comunale ed “auspicandone il suicidio al pari della Fallara”. Tale atteggiamento, secondo loro, sarebbe stato ricambiato con vassoi di bignè e spumante? Inutile riportare anche quello che suddetti esponenti rappresentanti di codesto pseudo movimento politico pensano e dicono, in particolar modo del sindaco e del vicesindaco della Città, e del male che vorrebbero riservare agli stessi. È altrettanto chiaro come i loro insulti, le loro falsità, il loro squallore, non hanno mai impressionato, più di tanto, sindaco e vicesindaco. Praticamente, in una sola serata, sono riusciti a raggiungere l’apice dello squallore della loro condotta politica e, non contenti, hanno sintetizzato la loro esemplare “condotta istituzionale” in un manifesto sottoscritto da tutti i componenti dell’opposizione. Ed ora che fanno: si indignano perché il vicesindaco Sainato ha in modo chiaro ed inequivocabile ricordato di chi sono le responsabilità politico - amministrative della grave situazione ereditata, che oggi si avvia ad essere sanata grazie al coraggio di un gruppo di persone che amministra la Città assumendosi importanti responsabilità; al contrario di altri che, per non assumersi responsabilità e non avendo altro da prendere, hanno preferito la nota via di fuga. Potevano veramente pensare che una semplice fuga avrebbe cancellato trent’anni di razzie e di spropositi amministrativi? Se lo hanno fatto, si sono sbagliati e hanno fatto male i calcoli. La ferita per la Città, cagionata da quell’azione politico - amministrativa, è così profonda che purtroppo resterà in ognuno di noi una traccia indelebile e ci vorranno numerosi anni per riuscire a sanare il tutto. Alla prima esperienza politica, nel corso dell’amministrazione Macrì, sicuramente abbiamo commesso errori. Ma proprio da quella importante esperienza e “palestra” politica, oggi, ancora giovani, siamo pronti ad affrontare la fase più difficile della vita politico - amministrativa della Città, restituendole prestigio e dignità, nonché quella identità persa negli anni per colpa di queste persone. Come detto in consiglio comunale, oggi i cittadini onesti ed intelligenti osservano ed apprezzano lo sforzo e l’impegno che stiamo mettendo in atto. In un anno è impensabile, data la gravosa situazione, riuscire a fare di più. Però, nonostante tutto: i rifiuti sono scomparsi a fronte di un risparmio annuo di seicentomila euro. Le strade cittadine si presentano pulite, anche se ancora è necessario armonizzare una serie di interventi. La Città non è più al buio e per la sostituzione di una lampadina non è più necessario ricorrere al “compare” di turno. Il parco giochi del lungomare, luogo di ritrovo per molte famiglie, è in fase di riqualificazione al pari della spiaggia e del lungomare stesso, che si presenteranno in ottime condizioni per la prossima stagione estiva. Gli studenti e le famiglie hanno riavuto il servizio trasporto ed il servizio mensa scolastica. È ripartito l’iter per il “Piano Strutturale Comunale” e per il “Piano Spiaggia”. Quello appena passato è stato un Natale da ricordare, con “Locri On Ice” che per gli oppositori della Città ha rappresentato un “costo esagerato”, a fronte di 15 mila euro, che in ogni caso sono risorse stanziate dalla provincia di Reggio Calabria, non gravando quindi sulle casse comunali. Non tenendo conto di quanto fatto all’interno dell’apparato amministrativo: un nuovo Statuto e un nuovo Regolamento Comunale. Importanti politiche di spending review: rottamati dieci mezzi di cui si pagava il bollo ma erano inutilizzati; presa in possesso di un’autovettura confiscata alla criminalità organizzata; acquisto di auto compattatori per la raccolta dei rifiuti, riduzione delle spese di telefonia fissa e mobile; ordine nei conti comunali con nessuna sofferenza per pagare stipendi, tredicesime ed indennità varie dei dipendenti. Avviata una concreta azione di verifica nel settore tributario, i cui risultati oltre a portare importanti entrate economiche per l’Ente, porteranno anche tante sorprese ed inquietanti verità. Si sono appaltate importanti opere pubbliche (di cui alcune traevano origine nella precedente amministrazione, ma l’iter era stato abbandonato per come si evince dalle carte) ed sono stati richiesti ed ottenuti altri finanziamenti per suppletive opere pubbliche, rimodulando il noto Protocollo d’Intesa, che rappresenterà un ulteriore sviluppo per la città. Altri e tanti interventi sono al vaglio di noi Amministratori che abbiamo un solo ed unico obiettivo: far riemergere la nostra Locri. Sì, Locri deve riemergere, perché Locri è stata affossata! E probabilmente è stata affossata volutamente. I signori che oggi parlano, insultano e mistificano la realtà, sono gli eredi politici di coloro i quali sono responsabili delle disgrazie di Locri. Alla luce di quanto evidenziato, siamo sicuri che il coordinamento di “LocRinasce” farebbe bene a riflettere un po’ di più su quanto è stato fatto dai loro predecessori per la città di Locri, su quanto stanno facendo loro per il bene di tutti i cittadini, rapportandolo a quanto è riuscita a fare l’amministrazione Calabrese in soli 12 mesi.

Ufficio Stampa Città di Locri

Rubrica: 

Notizie correlate