Maria Teresa D’Agostino: un volto della Locride positiva

Dom, 07/10/2018 - 16:40

Tanti dicono che viviamo in tempi aridi di sentimenti, dove ad attirare l’attenzione è solo quello che comporta poco impegno; tuttavia se iniziassimo a guardare con occhi attenti tutto ciò che ci circonda, vedremmo anche tante emozioni positive, una spiccata sensibilità e molta passione per la cultura. Tutte qualità racchiuse nella figura della giornalista di Sant’Ilario, Maria Teresa D’Agostino, che collabora con le redazioni di giornali, con televisioni, case editrici, organizza e conduce eventi culturali, cura il blog “Connessioni” e quello collettivo “Apostrofi a Sud”.
Maria Teresa, da bambina, cosa voleva diventare da grande?
Strano a dirsi… la giornalista. Nel mio piccolo mondo da bambina creavo “il giornalino” in cui inserivo tutte “le notizie” che riguardavano la mia famiglia. Inoltre, mettevo in scena delle recite dove convincevo i miei cugini a calarsi nel ruolo di attori, mentre io mi divertivo a presentare lo spettacolo. Quando, poi, si intraprende la strada della concretezza ci si rende conto che, come in ogni lavoro, la realtà è tutta un’altra storia.
Come hai iniziato a intraprendere la strada che poi ti ha portato a diventare, davvero, una giornalista?
Dopo la laurea in Scienze politiche ho frequentato corsi di specializzazione, a Roma, su giornalismo ed editoria. Ho scritto il mio primissimo articolo proprio su “Riviera”; collaborando, in un secondo momento, con “Calabria Ora”. Sono entrata a far parte di un fermento culturale, che comprende tutta la Locride. Questa condivisione ha creato una sinergia che continua a guidarci nel lavoro. Sono molto grata a tutti coloro che, fin dall’inizio, mi hanno dimostrato stima e continuano a gratificarmi con il loro apprezzamento: colleghi, artisti, operatori culturali, rappresentanti delle istituzioni, amici e naturalmente tutte le persone che mi seguono negli incontri culturali. Ogni evento, è sempre una grande emozione.
Ti immergi nei libri come se fossi la protagonista, come ti tuteli da tutto questo vortice di emozioni?
Non mi tutelo, non esiste protezione dall’empatia, ma essa ha anche un risvolto positivo: sento un’intensa energia e condivisione con coloro che mi circondano.
Sei una delle poche a non aver lasciato la tua terra, credi che questo ti abbia penalizzata?
Non lo so se mi abbia penalizzata, si paga un costo nel rimanere, ma anche nel partire. Io amo la Calabria e sono contenta di essere calabrese, non ci sono ponti d’oro negli altri posti. Rimanere, per me, significa voler dare di più alla mia terra.
Ritieni che la cultura sia uno strumento utile per risollevare la nostra Regione?
Stiamo vivendo un periodo in cui la politica nazionale non da priorità alla cultura. Credo, però, che individualmente, per mezzo del sapere, si possa fare tanto per opporsi a questo sistema e di conseguenza migliorare la società.
“Riviera” ha proposto l'Itinerario degli Scrittori della Locride. Un tuo pensiero al riguardo.
Mi piace molto questa idea di una sorta di mappatura della letteratura nella Locride. Penso sia un modo per riconoscere il valore dei nostri grandissimi autori e, al tempo stesso, per farli conoscere meglio. Un’idea che può espandersi, che ha la possibilità di offrire tanti sviluppi interessanti. Ne approfitto per augurare a “Riviera”, che festeggia venti anni di vita e di incisiva presenza sul territorio, di continuare il percorso sempre meglio, moltiplicando il successo.
Rivolgi una particolare sensibilità e attenzione nei confronti degli animali. Cosa fai per loro e cosa potremmo fare tutti?
La situazione degli animali è allarmante a causa dei maltrattamenti che subiscono e per la questione del randagismo. Non facciamo ancora abbastanza. Sarebbe necessaria una battaglia per attivare servizi in loro favore e soprattutto sensibilizzare le istituzioni. Risulta un lungo discorso, che spero di riprendere.
Cosa sogna Maria Teresa D’Agostino?
Sogno un mondo evoluto in cui ci sia equità sociale e dove gli animali siano riconosciuti come esseri senzienti.

Autore: 
Rosalba Topini
Rubrica: 

Notizie correlate