Omaggio a Bova

Lun, 13/05/2013 - 09:43

Sprazzi di azzurro  tra lo stormire lussureggiante delle fronde, turchine esplosioni dove gli alberi diradano mettendo più a nudo la strada che corre, tortuosa, verso l’abbraccio del monte Vua. Ed ecco Bova, cuore pulsante dell’area grecanica, dove così sottile appare il diaframma tra il sogno e la realtà.

 

 

 

Una regina vide,
pose i bei fianchi,
sul monte Vua
sue genti greche e armenti….

Sospira il tempo
lungo i tuoi pii uliveti,
stupisce il guardo
lussureggianti amplessi.
Urto di genti,
normanni e saraceni,
-dei basiliani indelebile l’orma-
resisti greca
dentro eterna favella
e augusta  svetti,
nelle pupille il cielo.

Autore: 
daniela ferraro
Tags: 

Notizie correlate