Ospedale di Locri, l’inaccettabile spot elettorale di Oliverio

Lun, 16/09/2019 - 11:00

«Ha il sapore della farsa la visita che il governatore Mario Oliverio ha compiuto all’ospedale di Locri durante gli scorsi giorni, su invito del sindaco, per verificare in prima persona le difficoltà della struttura ed in particolare del reparto di Ortopedia. Neanche 24 ore dopo l’evento che ha avuto il sapore dello spot elettorale, il caso della paziente che arriva in ospedale con il femore rotto e deve aspettare sette ore prima di essere trasferita a Reggio».

Il componente del direttivo provinciale dell’Udc Riccardo Occhipinti denuncia con sdegno quanto avvenuto a Locri nelle ultime ore.

«Il presidente della giunta – dice ancora Riccardo Occhipinti – invece di prendere atto del proprio fallimento e di fare un passo indietro restituendo la parola agli elettori calabresi, approfitta dello stato di profonda crisi in cui versa l’ospedale di Locri per uno spot elettorale. Invece di chiedere scusa per tutto quello che non ha fatto chiede, adesso, quando mancano pochi mesi alla fine della legislatura un Consiglio regionale ad hoc sulla sanità».

«Eppure fino a pochi mesi fa – prosegue Occhipinti – richieste analoghe sono arrivate sia dai banchi dell’opposizione di centrodestra che da consiglieri dell’ex maggioranza di centrosinistra, ma il governatore le ha puntualmente ignorate. Adesso, scaricato dal Pd e con le spalle al muro, Oliverio si accorge che esistono problemi all’ospedale di Locri e che forse sarebbe bene discuterne a palazzo Campanella. Ha ragione – conclude Occhipinti  - solo che questo dibattito compete ormai alla prossima legislatura e alla prossima maggioranza di centrodestra che porrà fine ad uno dei governi peggiori che la Calabria abbia mai avuto».

 

Riccardo Occhipinti

Delegato Udc Reggio Calabrisa

Rubrica: 

Notizie correlate