Palmi: Natale Pace abbandona la maggioranza

Gio, 13/10/2016 - 19:11

La costituzione di questo gruppo consiliare, collegato con il movimento Politico Azione Nazionale, ufficializzata con un documento politico il 15 aprile 2016, si prefiggeva l’obiettivo di rafforzare l’azione amministrativa e politica dell’Amministrazione Comunale, assicurando pieno sostegno al Sindaco  e alla Giunta in carica. Nel documento di costituzione si leggeva:
“…per i rimanenti dodici mesi di legislatura occorre predisporre un’appendice di programma politico con obiettivi a breve e medio termine, privilegiando quegli interventi che producono nuova occupazione, rilancio dell’economia, sostegno agli imprenditori coraggiosi che ancora ci provano con incentivi anche fiscali mirati…”
segnalando una serie di punti che ad avviso del gruppo consiliare dovevano essere compresi nel
programma appendice, e tra questi: 

  • - Completare l’iter degli approvati strumenti urbanistici e procedere alla loro attuazione;
  • - Istituire l’Ufficio di programmazione economica e di accesso ai finanziamento regionali, nazionali ed europei, utilizzando le professionalità interne oggi condannate all’incuria;
  • - avviare iniziative con le associazioni e le altre Città della Piana per il nuovo ospedale e la sanità;
  • - L’istituzione della Fondazione Casa della Cultura.

Nonostante continue sollecitazioni, talvolta anche critiche, nulla di quanto proposto è stato attivato e soprattutto non si è avviato il più volte richiesto confronto interno alla maggioranza per approvare il nuovo programma appendice.
Si è invece attuata la politica del rinvio, delle promesse non mantenute, vivacchiando alla giornata come se il vero obiettivo non fosse il rilancio dell’azione amministrativa, ma far passare il tempo per avvicinarsi il più possibile alla fine del mandato politico.
Nel frattempo errori di gestione si sono aggiunti a errori di gestione, sollevando feroci polemiche e critiche non solo nella parte di cittadinanza vicina all’opposizione, ma, (gravissimo) in gran parte del nostro elettorato e persino in esponenti della maggioranza e dei consiglieri comunali.
Il Gruppo ha ritardato questa netta presa di posizione, auspicando dibattiti interni e verifiche sull’azione amministrativa che spesso da qualche assessore venivano viste come attacchi personali, piuttosto che come contributo politico positivo. L’ennesima riunione di maggioranza convocata per oggi pomeriggio è miseramente saltata senza neppure la presenza del Sindaco e degli assessori, netto segnale di disinteresse nei confronti delle questioni che questo Gruppo pone e dei contributi che vuole dare.
Ciò considerato, ritengo ormai inutile ulteriori ritardi in una decisione che, ripeto, è stata ritardata solo su richiesta degli altri componenti e pertanto, mio malgrado, sono costretto a prendere le distanze dall’attuale maggioranza che sostiene la giunta Barone, tentando dai banchi dell’opposizione di offrire quel contributo critico utile per ottenere qualche risultato positivo per la Città e sperando almeno di muovere le acque stagnanti nella quali ad oggi si ritiene malamente di dover galleggiare.
Natale Pace

Rubrica: 

Notizie correlate