Pasqualino Ciccone: “Scilla ha bisogno di tutti”

Dom, 30/08/2020 - 11:00

Pasqualino Ciccone ritiene di avere un lavoro da finire, in quel di Scilla. Dopo lo scioglimento del suo Consiglio Comunale per presunte infiltrazioni mafiose risalente al Marzo del 2018, Ciccone e i suoi hanno immediatamente dichiarato di volersi rimettere in gioco per terminare il lavoro iniziato nell’ormai lontano 2015. Non stupisce, dunque che l’ex primo cittadino fosse determinato a scendere in campo anche a costo di avere come sfidante l’osso duro del quorum, preoccupazione che la candidatura di Ammendolia gli sottrae.
“Siamo tutti assieme - ha dichiarato qualche giorno fa Ciccone sui social, - i nuovi candidati, i ricandidati e chi ha fatto un passo indietro; una squadra coesa che sa lavorare con impegno e amore per la propria città: uomini e donne che vivono tra la gente, che ascoltano i problemi dei concittadini e tentano di risolverli”. Parole che dimostrano una grande voglia di fare e soprattutto la volontà di sovvertire un verdetto di stato che fin dal primo momento è stato ritenuto ingiusto.
Nel prosieguo del proprio intervento, Ciccone, non dimentico degli sforzi fatti l’affascinante centro, confessa che uno dei motivi per cui si è convinto facilmente ad andare fino in fondo è stato la vicinanza della propria comunità:
“In questi due anni di ‘esilio forzato’ dalla vita amministrativa - ha scritto l’aspirante primo cittadino di Scilla, - moltissime sono state le persone che ci hanno sostenuto e che oggi sperano in un nostro ritorno. Il consenso è generalizzato. Siamo orgogliosi di sentire da tante persone che non ci hanno votato nelle passate elezioni il loro consenso, dovuto al riconoscimento del lavoro che abbiamo fatto. Tutto ciò ci dà una carica immensa e ci rende più forti di prima per portare Scilla fuori dal degrado attuale. Cittadini, giovani, commercianti, ritornerete ad avere un punto di riferimento e, assieme a tutti voi, ricreeremo a Scilla una nuova primavera, all’insegna della partecipazione, della trasparenza, della legalità e dello sviluppo. Lasceremo indietro chi ostacolerà questo progetto, senza se e senza ma. Scilla ha bisogno di tutti.”
Una chiamata alle urne che siamo sicuri sarà in grado di smuovere le coscienze e che prepara in maniera ideale (e salvo clamorose quanto improbabili sorprese) la strada per questo secondo e agognato mandato.

Rubrica: 

Notizie correlate