PD di Villa S.Giovanni: “Un disastro annunciato”

Sab, 28/10/2017 - 12:40

L’aver messo sotto scacco l’intera Città, l’averla piegata alle proprie velleità, l’averla costretta a subire l’arbitrio di un potere che ha inteso interpretare a proprio vantaggio le norme esercitandosi in sostituzioni e nomine illegittime e che oggi non si arrende neanche innanzi ad una  pronuncia giurisdizionale netta.
Ecco, in tutto questo e in nient’altro è consistito e consiste la triste vicenda della maggioranza di Le Ali per Villa, ecco a cosa ci ha condotto la cultura politica del sindaco Siclari.
La questione di fondo, ovviamente, è più che giuridica: è problema etico, politico e democratico che investe il significato del voto libero e di coscienza e sollecita qualche domanda:
Perché umiliare una Comunità? Perché a Villa hanno trionfato stratagemmi e sotterfugi? Perché Giovanni Siclari, semplicemente, non si è fatto momentaneamente da parte dopo una condanna penale per reati contro la Pubblica Amministrazione?
Che quelli attribuiti a Siclari siano o meno fatti da poco lo decideranno i magistrati ma, nel frattempo, in attesa del giudizio definitivo, Villa non avrebbe avuto il diritto ad un Sindaco e ad una Giunta nel pieno esercizio delle sue funzioni?
Oggi la Città deve finalmente aprire gli occhi ed affrontare – con il contributo di tutti i sinceri democratici - il dibattito civile sulle responsabilità di chi ci ha portato fino a questo punto, di chi oggi si affanna a far finta di niente, di una “maggioranza” che arbitrariamente vorrebbe continuare a rappresentarsi tale in carenza di legittimità politica e giuridica, considerato che tutti gli atti deliberativi adottati nelle prime - e arbitrariamente convocate - sedute di Consiglio sono, appunto, viziati e nulli.
Ed a poco vale il richiamo stucchevole ai risultati del voto, perché anche quell’esercizio nobile di libertà è stato inquinato dalle rassicurazioni infondate profuse in una campagna elettorale congegnata da Le Ali per Villa per anestetizzare un popolo, per intorpidire le menti.
Ed ancora, quello stesso risultato è stato da subito violato da nomine e passaggi di potere estranee al meccanismo democratico – frutto di una difficile composizione tra fazioni in lotta -  ed in palese violazione dello stato di diritto.
Sgomento, quindi, tante domande e gli effetti nefasti di un’arroganza senza pari che sembra rispondere a richiami così potenti e superiori da passar tranquillamente sopra Villa San Giovanni ed il suo destino.
A tutto questo ci siamo opposti e ci opporremo con le buone ragioni di una forza politica che continua a rappresentare l’unica vera alternativa ad un amministrare che non è funzionale all’interesse pubblico ma – ormai il re è nudo  -  solo all’interesse di pochi.

Partito Democratico Villa San Giovanni

Rubrica: 

Notizie correlate