PD e Ripartiamo da Siderno sulla mancata raccolta porta a porta

Gio, 04/03/2021 - 09:00

Siderno è un paese sporco ed a forte rischio ambientale! La città è “vittima” dell’emergenza rifiuti, deflorata dall’incuria e dall’inerzia. Tutto ormai è in stato di completo abbandono. Sono numerose settimane che ampie zone cittadine vengono lasciate prive del servizio di raccolta porta a porta, soprattutto della parte che riguarda l’organico e l’indifferenziato. Cumuli immensi di rifiuti che rimangono riversi lungo le strade, sui marciapiedi, dinanzi alle case di abitazione, presso gli argini degli arenili e dei torrenti, sotto la pioggia e sotto il sole, imputridendo inesorabilmente ed i cui liquami permeano il suolo, producendo fetori nauseabondi. Ovunque sono visibili micro discariche a cielo aperto. Uno spettacolo indegno, indecoroso che va in scena da troppo tempo e che non può trovare attenuanti nella ragione emergenziale. Non basta la raccolta a singhiozzo né gli scaricabarili. Non basta garantire quella quota minima di raccolta lungo le vie centrali. Non esistono cittadini di secondo ordine dacchè questa è la percezione imperante. Occorre responsabilità e consapevolezza oltre che una maggiore e preventiva informazione dei calendari di raccolta che, quasi sempre, vengono diffusi in ore serali, anzi notturne, ed in prossimità del passaggio dei mezzi di raccolta e, pertanto, i cittadini non sono nemmeno messi nelle condizioni di sapere per tempo quale mastello esporre. Siderno è allo stremo. Ogni giorno, raccogliamo segnalazioni, lamentele e rabbia da parte dei cittadini che patiscono gravi disagi sia per i fetori nauseabondi che ammorbano mezza città che per l’insalubrità derivante dai rifiuti che marciscono lungo le vie cittadine. A fronte di tutto ciò, pur consapevoli delle problematiche sottese ai conferimenti presso altri impianti ed alla necessità di trovare soluzioni definitive e non solo dettate da ragioni emergenziali, facendo seguito a tutte le precedenti missive, chiediamo, attraverso un maggiore controllo ed una migliore organizzazione dell’operato di tutti i soggetti coinvolti, chiamati ognuno al proprio dovere in sinergia d’intenti, che le S.V.Ill.me vogliano quantomeno riorganizzare il piano di raccolta, prevedendola prioritariamente là dove non viene effettuata da maggior tempo e con criterio di rotazione zonale fino al raggiungimento del tonnellaggio consentito.
È vero che il fenomeno dei rifiuti va oltre i confini comunali, e riguarda anche l’intero comprensorio locrideo, la città metropolitana e la regione ma, è pur vero, che precisi e tempestivi provvedimenti possono essere presi dall’amministrazione comunale, per garantire il ripristino di situazioni di normale vivibilità. Il principio è unico ed universale: i cittadini pagano le tasse, l’amministrazione pubblica garantisce i servizi. Laddove viene meno questa necessaria funzione, si verificano storture alle quali non ci si deve assolutamente assuefare. A ciò corrisponde, altresì, un appello rivolto a tutti i cittadini affinché, con spirito di responsabilità, assumano nei piccoli gesti quotidiani senso di civiltà e di rispetto per l’ambiente.

 

Autore: 
Circolo del Partito Democratico - Ripartiamo da Siderno
Rubrica: 

Notizie correlate

Siderno, Pietro Fuda sott’accusa: il 5 luglio la decisione sul rinvio a giudizio

Ven, 16/04/2021 - 17:57
Oggi si doveva svolgere l’udienza preliminare sulla richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla procura distrettuale di Reggio Calabria nel procedimento penale che vede tra gli indagati l’ex sindaco di Siderno Pietro Fuda, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, ma l’udienza è st