Riace: da paese dell’accoglienza a paese dei santi Cosma e Damiano

Mar, 24/09/2019 - 09:10

Riace non più “Paese dell’accoglienza”, come recitava il cartello collocato all'ingresso del vecchio borgo, ma “paese dei Santi Cosimo e Damiano” come è scritto sul pannello nuovo di zecca che è stato installato domenica all'ingresso del paese.
A disporre la nuova indicazione, che ha suscitato non poche polemiche, è stato il sindaco del centro della Locride, Antonio Trifoli, che con tanto di fascia tricolore, assieme ai due sacerdoti della cittadina, don Giovanni Coniglio e don Giovanni Piscioneri, ha collocato e benedetto la nuova insegna che archivia simbolicamente, e non solo, il “modello Riace”.
Una decisione che secondo l'amministrazione comunale non ha alcuna motivazione polemica ma si collega a una ricorrenza religiosa, i 350 anni dall'arrivo in paese delle reliquie dei Santi Medici cui nella cittadina è stato dedicato un Santuario e la cui festa con pellegrinaggi si celebra in due momenti, a maggio, e dal 25 al 27 settembre di ogni anno.
«Riace resta il paese dell’accoglienza - ha sottolineato il primo cittadino Trifoli, - ma senza alcun business legato alla presenza dei migranti». Parole con le quali il sindaco cerca di smorzare le polemiche scaturite dalla decisione della sua giunta di modificare la cartellonistica per le vie del paese.

Rubrica: 

Notizie correlate