Roccella: Successo per il congresso “Salute è prevenzione ed equilibrio”

Gio, 29/06/2017 - 17:45

Per due giorni il Convento dei Minimi di Roccella ha ospitato il Congresso medico dal titolo SALUTE E’ PREVENZIONE ED EQUILIBRIO - STRATEGIE TERAPEUTICHE  E PROSPETTIVE DI MEDICINA BIOLOGICA; uno sguardo trasversale a molte discipline specialistiche che mira fondamentalmente a diffondere la cultura della prevenzione e dell’equilibrio del corpo umano come migliore strategia di cura.  Multidisciplinare e al contempo di taglio sociale, rivolto ai medici ma con efficacia diretta sui cittadini, per la comprensione che lo stare in salute è più importante della corsa a curare la malattia. Nato per rivolgersi solo ai medici è stato seguito molto anche dal grande pubblico, proprio per l’avvicinarsi alle esigenze del paziente prima che delle necessità tecniche del medico .
Il Congresso, realizzato in collaborazione con il Comune di Roccella,  infatti era rivolto al mondo della medicina ma finalizzato anche a divulgare la cultura dell’equilibrio dal medico al paziente. Il primo passo quindi, quello scientifico, che gli organizzatori hanno fortemente voluto.
Il Congresso è stato infatti organizzato dal Centro Medico Esculapio, fondato da due medici conosciuti e apprezzati, Pasquale Reale, neurochirurgo e neuralterapeuta e Giorgio Barresi,   chirurgo gastroenterologo, che da tempo lavorano non solo nei loro ambiti di specializzazione ma che perseguono l’intento di arrivare prima della malattia, di operare percorsi di salute prima che di cura. L’emozione di Pasquale Reale è stata tangibile e ha reso più umano un evento che forse poteva sembrare troppo tecnico,  “ accarezzavo da quarant’anni l’idea di realizzare un incontro con così tanti amici e colleghi di tale spessore e provenienti da così lontani e qualificati centri medici”; i luminari che hanno partecipato all’evento, variegati nella loro professionalità, erano tutti accomunati da una forte impronta di ricerca nel proprio settore, dalla cardiochirurgia di Donald Michael Christell, alla probiotica di Luciano Lozio, che ha tenuto un corso formativa curato dalla Bromatech, dalla psichiatria applicata alla evoluzione dello stress con Giuseppe Milici, alla cura dello stesso attraverso aiuti come la neuromodulazione auricolare introdotta da Manuela Romeo; dalla lecio magistralis del professore Giuppe Di Fede sulla immunità e la salute intestinale fino alla dualità tra terapie della infertilità di coppia con il metodo dell’”Albero dei Bambini” del ginecologo Gustavo Lai fino alla felicità della salute spiegata dalla pediatra Marika Mazzara, che ha saputo cogliere l’elemento medico e trasformarlo in una regola di vita comprensibile a tutti e soprattutto, inclusiva, dove la speranza e l’apertura verso l’altro possono curare più di mille farmaci, o contribuiscono ad ammalarsi meno facilmente.
Il paziente al centro del lavoro del medico quindi, un paziente che deve comprendere anche dove risiede l’equilibrio del proprio corpo, che sappia dialogare con il medico, per offrirgli i migliori strumenti conoscitivi per operare efficacemente.
Le conclusioni alle parole di Gorgio Barresi “Il congresso dal punto di vista scientifico può essere classificato come ottimo. La partecipazione di relatori eccellenti che hanno trattato argomenti di alto valore scientifico, hanno coinvolto la platea rendendola curiosa e attenta  fino alla fine di ogni sessione”.
Insomma, una serie di interventi di alta specializzazione ascoltati non solo dai medici ma anche  dalle persone che comprendono che il primo passo per stare in salute risiede in poche semplici regole e, come sottolinea Pasquale Reale, “inizia bene quando medico e paziente sanno comunicare nel modo corretto, andandosi incontro, l’uno verso l’altro”.

L’Ufficio Stampa

Rubrica: 

Notizie correlate