In primo piano

Gay e figlio di un boss: la madre lo salva spezzando le regole della ‘ndrangheta

Dom, 11/01/2015 - 16:54
È vivo grazie alla madre. È figlio di un potente capo clan di Reggio Calabria e frequenta chat gay. Fosse stato per il padre sarebbe morto. La ‘ndrangheta è sempre stata omofoba, non lo fa per moralismo: l’omosessuale è ritenuto inaffidabile perché non ha un’identità certa.

Big bang Fuda

Dom, 04/01/2015 - 11:05
Il Pd di Reggio Calabria ha paura del binomio sidernese, e di sinistra, Fuda-Panetta. Se la città più importante della Jonica ritorna operosa, dinamica, produttiva, diviene un problema per chi intende la politica esclusivamente come una semina di mediocrità negli orti della provincia.

Pagine

Abbonamento a RSS - In primo piano