San Luca: “Spiriti Liberi Calabresi” parla delle difficoltà del territorio

Sab, 30/11/2019 - 17:40

Giovedì sera, a San Luca, si è svolto il quarto convegno di un progetto dal titolo “Locride: tra burocrazia e abbandono del territorio” ideato e portato avanti dall’Associazione Culturale “Spiriti Liberi Calabresi”. Prima di San Luca, i convegni che abbiamo organizzato hanno sempre interessato centri abbandonati e dissestati come Natile, Benestare, Platì. Anche giovedì sera, a San Luca, dove la mattina c’è stata l’inaugurazione di un monumento ai caduti della prima e seconda guerra mondiale, con una cerimonia riuscitissima e molto toccante, il dibattito è stato molto acceso e interessante. L’abbandono del territorio, le difficoltà della neo eletta Amministrazione del Sindaco Bruno Bartolo, che come Associazione ringraziamo sia per l’invito all’inaugurazione sia per la disponibilità mostrata verso la nostra Associazione, e la formazione giovanile sono stati i temi affrontati prima della relazione finale del Dott. Carlo Tansi, candidato civico alla Presidenza della Regione Calabria.  Oltre al Dott. Tansi, che ci ha illustrato il programma del suo progetto per la Regione Calabria e su come intende intervenire sulla burocrazia, sulla Sanità, sul dissesto idrogeologico, hanno relazionato il già citato Sindaco di San Luca, il Dott. Francesco Rao, psicologo che si occupa di formazione giovanile e Pietro Sergi, scrittore e Presidente dell’Associazione organizzatrice del convegno. Buona la presenza di pubblico con la sala consiliare piena e persone in piedi, come del resto il contributo alla discussione offerto dal pubblico presente. L’interesse intorno ai temi che con questo progetto abbiamo voluto affrontare, ci rende molto soddisfatti come Associazione. Abbiamo cercato, e credo possiamo dire di esserci riusciti, di riportare il dibattito sui problemi atavici e quindi irrisolti del nostro martoriato territorio, come “l’emigrazione sanitaria” al quale siamo costretti un po’ tutti, o comunque chi di noi ha la fortuna di potersi permettere di emigrare per andarsi a curare altrove, trovando poi nei vari centri ospedalieri, pubblici e privati, eccellenti medici e primari che nella maggior parte dei casi sono luminari di origini Calabresi. Quindi, la nostra Regione paga altre Regioni per mandarci a curare altrove da medici che spesso sono Calabresi. Quindi, il diritto alla salute ci costa cifre moltiplicate alle famiglie e alla Regione, nonostante la Sanità sia commissaria da parecchi anni. Il dissesto idrogeologico è ben oltre i livelli di allerta, le fiumare sono un pericolo per i centri a valle che le costeggiano, i servizi ridotti sotto la soglia minima per un paese dell’Occidente, il lavoro e la fuga di menti e braccia e la formazione necessaria per i giovani, alla quale però devono seguire le opportunità lavorative adeguate che consentano la piena realizzazione della persona. Finito questo ciclo di convegni, l’Associazione continua con la sua attività. Per Natale abbiamo organizzato dei mercatini che hanno visto l’adesione di tantissimi artigiani, con un laboratorio per bambini oltre agli stand gastronomici e alle esposizioni dei vari e diversificati prodotti artigianali. Le date dei due appuntamenti per i mercatini di Natale saranno: il 9 dicembre a partire dalle ore 17 a Benestare e il 14 dicembre, a partire dalle ore 18, a Natile Superiore. 

Pietro Sergi, Presidente
Anna Zappia, Vicepresidente
Katia Rocca, Segretario Associazione Culturale “SLC”

Rubrica: 

Notizie correlate