Siderno, Il raglio degli asini contro l’indifeso Michele Bonavita (U Sciabola)

Lun, 13/05/2013 - 19:09

Ragliano come asini, ma non ci sono più i vecchi maestri a mettergli le orecchie. Hanno dagli otto ai quindici anni, e i più accaniti raggiungono pure i 17. E perpetuano senza sosta un accanimento contro un unico e indifeso obiettivo. Michele Bonavita è un bersaglio facile che frotte di potenziali bulli sconquassano ogni giorno abbondando di risa inflazionate e di vanto. Si appostano quando sentono il rumore del suo motorino e lo aspettano al passo sparandogli addosso la vecchia nomea. Lo feriscono con l’antico sfottò che molto probabilmente è stato tramandato dai padri ai figli. Piccoli esseri ripugnanti figli di un comportamento che nasce dai falliti laboratori familiari. E ogni giorno le lacrime di Michele, che fanno godere i piccoli mostri, allagano le vie di un paese dove la pietà è morta.

Rubrica: 

Notizie correlate