Sindaci della Locride: “Non possiamo continuare a elemosinare i diritti”

Lun, 06/04/2020 - 18:30

Facendo seguito alla missiva dell'On.le Sainato, che si ringrazia per l'impegno profuso, si prende atto che sabato 4 aprile la Locride è stata finalmente destinataria di circa 200 tamponi, e, che, per come sostenuto, nei prossimi giorni ne arriveranno altri, in modo da poter effettuare le necessarie verifiche sanitarie anche nel nostro territorio.
Pur comprendendo il disagio del momento, ricordiamo alle preposte autorità, che i diritti non vanno elemosinati e non devono essere confusi con concessioni, come accaduto, purtroppo fino ad oggi, nella Locride in campo sanitario e non solo.
La Locride non merita questo!
Condividiamo che solo l’unione delle forze politiche ed istituzionali presenti sul territorio può consentire alla Locride di combattare una battaglia impari contro un nemico invisibile ma molto temuto e pericoloso, viste le condizioni di criticità datate della sanità Locridea.
Questo è un primo passo per garantire indistintamente a tutti i cittadini i livelli minimi di assistenza non soltanto in situazioni di emergenza, ma anche e soprattutto in condizioni di normalità.
La strada da percorrere per garantire un’assistenza adeguata a tutti i cittadini e per recuperare le gravi carenze strutturali della nostra sanità è sicuramente lunga, da parte nostra certamente non manca e non mancherà la forza e la determinazione, come ampiamente dimostrata fino ad oggi, per lottare con tutte le nostre forze al fine di ottenere per le nostre comunità un diritto costituzionalmente garantito quale è il diritto alla salute.

Il Presidente dell'Assemblea dei Sindaci della Locride Caterina Belcastro 

Il Presidente del Comitato dei Sindaci Giuseppe Campisi 

Il Delegato alla Sanità Giovanni Calabrese

Rubrica: 

Notizie correlate