Sul reato di estorsione

Ven, 15/05/2020 - 13:00
Giudiziaria

Varia e numerosa è la giurisprudenza relativa al reato di estorsione. In una sorta di percorso virtuale partiamo con un tentativo di estorsione, in questo caso anche aggravata. Reato che spesso si rende manifesto attraverso la minaccia implicita e comunque "ambientale" esercitata sulla base di un programma ben studiato dagli estorsori, che per tentare di costringere l’estorto a stipulare, per esempio, un contratto con loro, individuavano in una persona che la vittima sapeva essere vicina al clan di riferimento territoriale e che, questo soggetto, si facesse latore della richiesta. In questa circostanza, che la vittima non volesse, se non perché determinato a "dover" fare un favore ad altri, intrattenere rapporti commerciali con gli estorsori è reso evidente, oltre che dai precedenti con i fratelli, anche dal fatto che il soggetto espressamente chiede di poter parlare da solo e, soprattutto, dopo l'intermediazione. La presenza dell’intermediario quale portavoce di interessi superiori ha condotto non solo ad avviare una trattativa, ma a concordare un canone a un prezzo ridotto di un terzo rispetto alle intenzioni della proprietà.
Nell'estorsione contrattuale accade infatti che al soggetto passivo sia imposto di porsi in rapporto negoziale di natura patrimoniale con l'agente o con altri soggetti, in questo caso ravvisandosi l'elemento dell'ingiusto profitto con altrui danno nel fatto stesso che il contraente/vittima sia costretto al rapporto in violazione della propria autonomia negoziale, essendogli impedito di perseguire i propri interessi economici nel modo da lui ritenuto più opportuno (Cass., sez. V, 13 ottobre 2016, n. 9.429).
Il fatto è da qualificarsi in termini di tentata estorsione, non essendo sfociato nella stipula del contratto di locazione, in quanto non offrivano la copertura assicurativa ritenuta necessaria per scongiurare il rischio dell'inadempimento.
Il delitto in questione è aggravato quanto meno dal metodo mafioso, essendosi la minaccia realizzata con le esplicite richieste di addivenire a una trattativa e attraverso le esplicite richieste di fissare un canone di locazione perfino ridotto di un terzo rispetto a quello originariamente voluto.
Va ricordato che la minaccia costitutiva del delitto di estorsione, oltre che essere palese, esplicita, determinata, può essere manifestata in modi e forme differenti, ovvero in maniera implicita, larvata, indiretta e indeterminata, essendo solo necessario che sia idonea a incutere timore e a coartare la volontà del soggetto passivo, in relazione alle circostanze concrete, alla personalità dell'agente, alle condizioni soggettive della vittima e alle condizioni ambientali, in cui questa opera (Cass. Sez. II, n. 37.526 del 16 giugno 2004, depositata il 23 settembre 2004).
L'estorsione patrimoniale, che si realizza quando al soggetto passivo sia imposto di porsi in rapporto negoziale di natura patrimoniale con l'agente o con altri soggetti, l'elemento dell'ingiusto profitto con altrui danno è implicito nel fatto stesso che il contraente/vittima sia costretto al rapporto in violazione della propria autonomia negoziale, impedendogli di perseguire i propri interessi economici nel modo e nelle forme ritenute più confacenti e opportune (Cass., sez. VI, sentenza n. 46.058 del 14 novembre 2008 dep. 12/12/2008 rv. 241.924).
Nella descritta fattispecie estorsiva la condotta rivolta a costringere alla contrattazione si deve altresì riferire a un soggetto che ha svolto un ruolo di primo piano nell’avvicinamento, onde ottenere l'apertura della trattativa.
Sussiste la circostanza aggravante di cui all'art. 628, n. 3 c.p., laddove si consideri: in tema di estorsione, la circostanza aggravante della commissione del fatto a opera di un partecipe all'associazione di tipo mafioso, non richiede che tutti gli agenti rivestano tale qualità e si estende anche ai concorrenti nel reato, trattandosi di circostanza che, ancorché soggettiva, attiene alla qualità personale del colpevole (Cass., sez. V, 13 ottobre 2016, n. 9.429, cit.).

Rubrica: 
Tags: 

Notizie correlate