Tra Sacro e Profano

Gio, 10/09/2015 - 10:48

Sei viva e presente con un battito eterno
Madre e Patrona della città di Siderno.
L’otto settembre culmina la tua giornata
S. Maria di Portosalvo per sempre Incoronata.

È un conforto costante saperti tra noi
incorporea e pura per i figli tuoi.
Di anno in anno il ciclo si rinnova
e tutto si ripete se c’è il sole o se piova.

Il giro in barca evoca un rito molto antico
per placare le acque e sentire il mare amico,
e il riscontro tangibile dopo il cerimoniale
è la sensazione di pace che libera il male.

Vi è anche un altro aspetto meno religioso
per la gioia dei bimbi e il loro mondo giocoso:
uomini sui trampoli che sembrano giganti,
attrazione irresistibile per irrequieti esultanti.

Pagana è la fiera con le innumerevoli bancarelle
con stravaganti mercanzie e caratteristiche ciambelle.
È figlia del costume questa consolidata evidenza,
ma sacro e profano non turbano la coscienza.

Un altro rituale di memorabile attrattiva
sono i fuochi pirotecnici con una scenografia incisiva,
da ammirare mentre si riflettono sulle acque calme
seduti sulle panchine del Lungomare delle Palme.

Questo e molto altro si vive in quei giorni
e siete tutti invitati a visitarne i dintorni,
ma sappiate che ogni cosa ruota intorno alla Patrona
che protegge e illumina con la splendida corona.

Giambattista Scarfone

Rubrica: 

Notizie correlate