Truffò un medico di Catanzaro: l'avvocato Rosario Federico condannato a 3 anni

Dom, 23/02/2020 - 16:00

Ci sono storie che alcune volte bisogna pubblicare per rispetto delle persone e per sottolineare i limiti che il buonsenso dovrebbe imporci.
Questa settimana vogliamo trattare la storia di Odeta Hasaj, dottoressa molto brava con il difetto di essere straniera. Sì, perché per la controparte l’essere straniera è sinonimo di persona da poter fregare.
Ho ascoltato la storia di questa donna, che non riuscirà più ad avere fiducia nell’altro, penserà che le persone siano sempre mosse da qualche interesse. Una convinzione purtroppo dettata dai cambiamenti vorticosi della nostra società che, tuttavia, non dovrebbero mai cancellare il senso di amicizia e umana solidarietà, che in questa occasione sono stati, invece, totalmente dimenticati.
“La scorsa settimana l’avvocato Rosario Federico è stato condannato a 3 anni di reclusione e interdetto dai pubblici uffici e dalla professione per 5 anni per i reati di appropriazione indebita e truffa, a fronte dei 2 anni e 8 mesi richiesti dal Pubblico Ministero.
Federico, legale cinquantenne di Catanzaro, si sarebbe infatti appropriato di ingenti somme di denaro ricevute da Odeta Hasaj per ripianare una situazione debitoria che quest’ultima aveva con Equitalia e, nel contempo, avrebbe indotto, con artifizi e raggiri, la stessa dottoressa a consegnagli ingenti somme di denaro necessarie, a suo dire, a «procacciare una licenza di Noleggio con Conducente» che la donna voleva far intestare al proprio fratello.
Federico aveva rappresentato alla donna di essersi adoperato concretamente per l’acquisto di un’autovettura necessaria per l’esercizio dell’attività di noleggio, inducendo la dottoressa Hasaj a versargli cospicue somme di denaro. L’attività truffaldina nei confronti della vittima si sarebbe protratta per anni, provocando a quest’ultima un danno di rilevante entità, tanto da indurre il giudice a condannare Federico al pagamento di una provvisionale di € 117mila oltre al maggior danno, la cui liquidazione è stata rimessa al giudice civile.
Con la sentenza è stata pure revocata la sospensione condizionale di cui Federico aveva goduto per una condanna a lui inflitta qualche anno addietro con sentenza del Gup dell’1/2/2007 presso il Tribunale di Locri, irrevocabile il 21/10/2010”.
Questa la notizia tratta da lanuovacalabria.it.
Odeta Hasaj era difesa dal legale Enzo De Caro ma, precedentemente, si è rivolta a diversi avvocati che dopo aver visto le carte si sono dileguati, mentre la denuncia fatta molti anni addietro restava ferma alla Procura di Catanzaro.
Forse Odete ha beneficiato anche lei del cambio di direzione impresso da Nicola Gratteri, che con il proprio lavoro ha permesso alla sua denuncia di vedere finalmente le aule di un tribunale.

Autore: 
Vladimir
Rubrica: 

Notizie correlate