Un consigliere regionale e due sindaci indagati per corruzione

Mar, 11/02/2020 - 18:30

Giuseppe Aieta, rieletto come consigliere regionale in Calabria, nelle fila del centrosinistra, esponente della lista Democratici e Progressisti, è indagato per corruzione nell’ambito di un’inchiesta condotta dalla Procura di Paola (Cosenza), guidata dal Procuratore Pierpaolo Bruni.
Secondo le indagini, – come riporta l’Agi – Aieta, in cambio di voti alle ultime elezioni regionali, avrebbe promesso all’imprenditore Giuseppe Chiaradia, operante nel settore della sanità privata e anch’egli indagato, l’accreditamento delle proprie strutture presso la Regione. Indagati nella stessa inchiesta anche Pino Capalbo, sindaco di Acri, Emilio Morelli, marito di una consigliera comunale di Roggiano Gravina, e il primo cittadino di Longobucco Giovanni Pirillo. Aieta avrebbe promesso loro assunzioni per se stessi o per loro congiunti nella propria struttura regionale, dopo la rielezione. Questa mattina la Guardia di Finanza ha perquisito la segreteria politica di Aieta a Cetraro, la cittadina della quale è stato sindaco per due legislature, sequestrando vario materiale. Aieta è stato poi ascoltato in procura.
Fonte: calabria7.it

Rubrica: 

Notizie correlate