Una “rivolta” pacifica per ottenere risultati importanti

Dom, 22/11/2020 - 09:00

Giovedì 19 novembre è stata una giornata storica per la Calabria. È stato infatti il giorno in cui i sindaci calabresi hanno incontrato, a Roma, il Premier Giuseppe Conte e il Ministro della Salute Roberto Speranza. L’evento, seguito in diretta dal nostro giornale, è stato caratterizzato dalla richiesta dei nostri rappresentanti di veder difesi i diritti di tutti i cittadini calabresi a cominciare dal diritto alla salute, pregiudicato da 11 anni di commissariamento. La richiesta dei primi cittadini, espressa anche durante la diretta Facebook realizzata dal sindaco di Portigliola Rocco Luglio, è stata quella di nominare un menager di grosso profilo per riuscire a risolvere le criticità economiche del settore e, soprattutto, mettere in evidenza la difficile situazione della Calabria, una regione che ha il diritto di ottenere maggiore attenzione allo scopo di trovare soluzioni adeguate.
I sindaci, subito dopo l’incontro in cui sono stati rappresentati dai colleghi dei cinque capoluoghi, hanno manifestato la loro soddisfazione per l’ascolto dimostrato dai rappresentanti del Governo e la ricezione delle loro istanze. Al termine del confronto, infatti, il Governo ha dimostrato di aver compreso la necessità di accorciare i tempi del commissariamento, concedendo che abbia la durata di un solo anno, e di organizzare dei tavoli di concertazione periodica affinché il nuovo Commissario possa ascoltare ciclicamente le richieste e le necessità dei sindaci e dei cittadini. Dimostrata apertura, infine, anche dinanzi alla possibilità di ridurre, se non azzerare, il debito della sanità regionale.
Promesse e rassicurazioni che sembrano inaugurare un nuovo corso, ma attendiamo adesso il primo segnale concreto.

Rubrica: 

Notizie correlate