Vincenzo Guerrisi Parlà merita un ricordo indelebile

Dom, 15/03/2020 - 12:00

Il tempo trascorre in modo migliore con un sorriso. Leggendo alcune delle opere del professore Vincenzo Guerrisi Parlà, quelle che richiamano alla memoria Esopo o Fedro tanto per intenderci, il sorriso è d’obbligo. Come negli autori del passato anche negli scritti del professore Guerrisi Parlà l’ironia porta a riflettere. Non si tratta di semplici favole o racconti di caratteri e personaggi tanto per far sorridere il lettore. Si tratta di immedesimarsi in una più profonda sensazione di quella storia di un territorio, quale Bovalino e dintorni, che l’autore coglie e rappresenta per le future generazioni. Per quanti hanno la sensibilità di riconoscere in quegli scritti un momento di conoscenza che travalica il comprensorio, per raggiungere le vette della cultura.
La profondità dell’insegnamento del professore Guerrisi Parlà alle generazioni della Calabria post Seconda Guerra Mondiale, che si ritrova nella splendida “Grammatica”, è un altro passo per dare lustro a un intellettuale schivo e riservato, che merita un ricordo indelebile nella “sua Bovalino”, dove immaginiamo che la sensibilità degli Amministratori possa individuare un edificio pubblico, magari una scuola o il Palazzo della Cultura, quale luogo da intitolargli.

Autore: 
Rocco Muscari
Rubrica: 

Notizie correlate