ZES: l’ordine dei commercialisti invita all’unitarietà

Dom, 03/09/2017 - 11:11

L’Ordine dei commercialisti di Locri ha sempre creduto che sia necessaria una misura straordinaria per lo sviluppo del nostro territorio economicamente depresso e vessato dalla criminalità. Molto è stato fatto in merito alla repressione e alla prevenzione dei fenomeni criminogeni, ma adesso bisogna passare allo sviluppo economico del territorio ridando dignità ai tanti cittadini onesti che vivono della Locride. Abbiamo sempre sostenuto che una ZES fosse la misure necessaria a far partire il volano dell’economia Locridea, per questo riteniamo che il Decreto approvato ad Agosto sia un’opportunità che non bisogna perdere. In quanto affronta lo sviluppo del mezzogiorno attraverso diverse misure d’intervento.
La ZES ci regala un ventaglio di misure e strumenti agevolativi e di sviluppo che ci possono portare a considerare finalmente un’idea di progettazione integrata attraverso un approccio attuativo unitario.
Unitarietà e coesione di tutti gli attori del territorio, principalmente i Comuni della Locride, sono gli elementi indispensabili ad avere una visione d’insieme cercando di sviluppare le singole peculiarità di ognuno di essi, facendo in modo di poter sviluppare l’intero comprensorio Locrideo.
Politica ed economia sono due mondi che devono dialogare, abbiamo bisogno di più politica nella sua accezione più stretta, una politica territoriale che metta all’attenzione e nelle priorità lo sviluppo economico dell’intero comprensorio portandolo avanti con determinazione al di là dei colori politici e dei campanilismi che hanno limitato, in modo pesante, la crescita economica del territorio. Tutto ciò si è verificato in quanto si sono anteposti interessi particolari e clientelari all’interesse superiore di tutta la collettività della Locride.
Affinché si possa fare questo, il nostro territorio necessita di una Agenzia di Sviluppo che potremmo identificare nel GAL Terre Locridee, una società mista pubblico-privata che tiene conto di tutte le esigenze del territorio sia per quanto concerne i privati che per gli enti pubblici del territorio. I commercialisti di Locri vogliono fare la propria parte e per questo hanno deciso di uscire dai propri studi professionali per dare il proprio contributo alla crescita economica del territorio attuando diverse iniziative.
Occorre l’apporto di tutti perchè ognuno di noi è artefice del proprio destino, e aggiungo, tutti insieme siamo gli artefici del destino della nostra terra.

Autore: 
Enzo Lacopo
Rubrica: 

Notizie correlate