Alba di Scilla 3: sette fermi e sequestri per 15 milioni di euro

Mar, 02/07/2013 - 09:42

In manette stamattina 7 presunti affiliati della cosca Nasone-Gaietti di Scilla. I carabinieri stanno eseguendo le ordinanze di custodia cautelare in carcere nel reggino. I soggetti posti sotto fermo sono accusati di tentata estorsione con l’aggravante dell’associazione mafiosa e intestazione fittizia di beni. Quest’operazione, Alba di Scilla 3, è la naturale prosecuzione della precedente azione dei carabinieri Alba di Scilla 2 del 30 maggio scorso. Al centro delle indagini degli inquirenti le estorsioni che la cosca su imprenditori e commercianti che si aggiudicavano gli appalti dei lavori dell’A3 Salerno-Reggio Calabria. Tra i metodi usati per convincere i malcapitati a pagare c’erano furti e danneggiamenti nei cantieri. Secondo quanto emerso la cosca esigeva anche fino al 3% dell’intero importo dei lavori.  Sono stati sequestrati beni 15 milioni di euro.

 

 

Rubrica: 

Notizie correlate