A Botricello convegno sull'agricoltura con il capogruppo del Pd alla Camera

Lun, 01/02/2016 - 09:51

Il dibattito sull’agricoltura a Botricello è la prima iniziativa importante che il Pd organizza dopo la visita istituzionale del presidente della Repubblica, Mattarella. Il presidente della Regione, Mario Oliverio, lo ricorda per rimarcare come “quella visita ha avuto un significato profondo da cui traiamo soddisfazione e incoraggiamento”. La “casa dei calabresi” è un simbolo concreto di una ripartenza necessaria di cui “stiamo creando le condizioni da un anno. Nonostante l’impegno delle giunte precedenti, siamo stati noi che in un anno abbiamo completato i lavori e trasferito gli uffici, non senza resistenze ed ostacoli – rimarca Oliverio – Una scelta che fa recuperare alla Regione 5 milioni all’anno di fitti, un atto riformatore per snellire procedure e provvedimenti amministrativi visto che ora i dipartimenti possono interloquire in tempo reale”. Un anno di governo, insomma, che “non è passato invano. Basta pensare anche al grande lavoro condotto per recuperare i ritardi sui fondi europei, visto che abbiamo evitato di perdere un miliardo e 400 milioni di euro che oggi possono essere recuperati per la crescita, il lavoro e la modernizzazione di questa terra. Si è aperta una interlocuzione forte con Palazzo Chigi per definire il “Patto per la Calabria” e stiamo lavorando sodo perché deve essere uno strumento per aggiuntivi risorse”. Con le politiche di riorganizzazione, sburocratizzazione, riforma e riduzione dei dipartimenti, ma soprattutto riduzione drastica degli enti di sottogoverno “si sono poste le basi per costruire la nuova Calabria”. “I calabresi devono sapere che abbiamo trovato buchi enormi e che ai vertici delle Partecipate non abbiamo tolto uomini di centrodestra per mettere uomini di centrosinistra – ha detto ancora Oliverio – abbiamo evitato la giostra della lottizzazione per recuperare risorse”. A partire dall’agricoltura. Con il Piano di sviluppo rurale “apriamo una stagione nuova a sostegno dell’economia per realizzare obiettivo di cambiamento. Serve, però, un concorso di energie. Dobbiamo lavorare per costruire da noi il nostro futuro, ma da soli non ce la possiamo fare perché c’è un gap troppo forte che ha visto anche lo Stato centrale debitore verso il Mezzogiorno, per lungo tempo assente nell’agenda nazionale. Vogliamo essere una risorsa per il Paese, per fare questo – conclude Oliverio – il Pd deve essere motore di iniziativa politica, programmazione, progettazione”.
Sulla visita di Mattarella in Calabria torna anche Ettore Rosato. “Il presidente della Repubblica non è venuto tra gli ultimi, ma da chi corre più veloce e vuole fare la differenza rispetto al passato, capisco la grande fatica da fare per ripartire”. Le condizioni per ripartire ci sono, ma bisogna prima di tutto superare i tanti stereotipi che esistono sulla Calabria. “Un grande lavoro che può essere fatto con una alleanza tra partito regionale, gruppo e Regione con il governo nazionale per affrontare le opportunità non i problemi, e di opportunità ne avete tante – dice ancora il capogruppo alla Camera -. La Calabria è una regione straordinaria, se ne rende conto chi l’attraversa, da qui si può ripartire per costruire un pezzo di economia, e penso che davvero il settore agricolo sia centrale per questa ripartenza, perché lo è per l’Italia. La strada da percorrere – conclude Rosato – è anche la promozione dei prodotti perché l’agroalimentare deve essere legato al turismo”.

Rubrica: 

Notizie correlate