Carabinieri salvano cuccioli abbandonati all'interno del Parco Nazionale dell'Aspromonte

Sab, 27/05/2017 - 10:01

Un'operazione di salvataggio è stata portata a termine dal personale della Stazione Carabinieri Forestali di Oppido M. (RC) all’interno del Parco Nazionale dell’Aspromonte. Nell’espletamento di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati ambientali, predisposto dal Coordinamento Territoriale Carabinieri per l’Ambiente del Parco Nazionale dell’Aspromonte, i militari, effettuando un sopralluogo in località “ Archi” in agro del comune di Oppido Mamertina (RC), rinvenivano n. 6 cuccioli di canidi (meticci), chiusi all’interno di un sacco di iuta e gettato in un roveto. Il rinvenimento è stato possibile grazie ai guaiti che provenivano dal roveto ed il recupero è stato particolarmente difficoltoso a causa dalla natura impervia del luogo.

Dopo le prime cure, è stato attivato il servizio veterinario di zona e dopo la visita degli specialisti, i cuccioli sono stati affidati al responsabile del canile di Oppido Mamertina. I militari, intanto proseguono le indagini volte ad individuare gli autori del fatto illecito. Tale attività segue a distanza di pochi giorni, un altro rinvenimento di tre cani da caccia segugi ,in zona Zillastro in agro del Comune di Oppido M.; i cani sono stati rinvenuti in evidente stato di smarrimento e denutrizione. Dalle attività di indagini svolte, si presume che i cani da caccia siano stati portati in montagna , alcuni giorni prima, per l’addestramento e gli stessi si siano allontanati dal proprietario perdendo l’orientamento. I militari operanti si sono adoperati per rifocillare i segugi affidandoli ad una struttura idonea, avviando contestualmente le indagini per risalire ai proprietari .

Rubrica: 

Notizie correlate