Immigrati, Roma e il Belpaese

Lun, 20/03/2017 - 16:00
Il dato reale

Il Professore Giuseppe Valditara ha pubblicato dei dati storici sui flussi migratori nell'antica Roma. L'Urbe prima "scende", quando si sovrappongono civiltà meno sviluppate, poi si contamina con esse e cresce. Roma lavorava al suo futuro: dato che arrivavano immigrati poveri ma anche ricchi, cioè chi cercava lavoro e chi lo offriva, si operava per "assorbirli". Venivano messi in prima fila in battaglia (l'armatura la dovevano comprare loro), "fatti accomodare" normalmente allo "sportello" delle tasse.
Chi rimaneva ai margini si univa a chi a Roma si trovava nella stessa condizione; protestavano, minacciavano la secessione, per chiedere uguali diritti. Che, a dirla giusta, si dovevano meritare. 
Non si covavano nell’urbe idee razziali, ma giudizi formati sullo "sviluppo culturale, non sulla biologia". Ai romani arrivavano anche dei vantaggi, l'alfabeto latino ad esempio. Si può ammettere che prevalesse in Roma un senso di utilitarismo, ma l'assorbimento è stato la premessa dell'integrazione. Il paradigma esatto, ieri come oggi, è: accoglienza degli immigrati in maniera controllata, accesso alla cittadinanza graduale, espulsioni e revoca di cittadinanza con uguale precisione. A Roma quando non fu più osservato, si arrivò alla fine dell'Impero. Rispetto ai grandi gruppi di immigrati che oggi passano le frontiere, potrebbe funzionare la strategia proposta da un nostro ottimo Ministro degli Esteri, Gianni De Michelis, come rammentava l'altro giorno il Ministro degli Esteri inglese: trattenerli e aiutarli nei loro paesi, realizzare lì lo sviluppo. Una migrazione perenne verso l'Europa non rispetta le diversità e non può funzionare. L'Italia, dove arriva l'ottanta per cento degli immigrati, non può impegnare tutte quelle risorse, che spesso sono pure male utilizzate. In chi li gestisce, deve essere forte il senso che gli immigrati vanno supportati in un percorso(ragionevole) di autosufficienza. La pensano così primi fra tutti quegli italiani che ogni giorno lottano per sopravvivere.

Rubrica: 

Notizie correlate