Intervista a Michaela Diano "Un centro per i giovani"

Sab, 18/05/2013 - 11:04
Il primo incontro diretto con i giovani sarà lunedì 27 maggio alle ore 16 al “centro You&Me” dove avranno inizio le attività di formazione

Promuovere la partecipazione attiva dei giovani e la legalità. Favorire l’incontro ed il dialogo tra giovani ed istituzioni e la costruzione di modelli condivisi di politiche giovanili frutto di approcci partecipativi. È questo l’obiettivo generale del progetto “Giovani, Legalità, Cittadinanza e Partecipazione”. La dott.ssa Michaela Diano referente territoriale del progetto, insieme alla dott.ssa Teresa Tallarita e la dott.ssa Maria Greco hanno condotto sul territorio un’indagine attraverso questionari tesi a conoscere la domanda di laboratorio secondo le aspirazioni dei singoli giovani. I questionari sono stati distribuiti in diversi istituti di scuola superiore del territorio locrideo. Il riscontro è stato sorprendente. La maggior parte dei giovani non ha idea di cosa sia un Centro di Aggregazione, anche se i giovani sono interessati a conoscerlo. I laboratori che gli piacerebbe seguire sono in prevalenza quelli sulla mondialità e interculturalità ma anche uscite sul territorio.
Da qualche giorno il progetto ha una propria sede “Centro You&Me di Marina di Gioiosa Ionica”. Di fatti è stato ristrutturato un locale di proprietà comunale sito in via F.lli Rossetti adiacente alla sede del Comune di  Marina di Gioiosa Ionica, con entrata indipendente. Il recupero dell’immobile nasce dall’accordo siglato tra il Comune di Marina di Gioiosa Ionica e il Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri che ha reso disponibili le risorse per la ristrutturazione.
Ora i docenti potranno procedere ad organizzare un corso di formazione rivolta ai giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni. Al termine del corso di formazione i tutors saranno in grado di individuare due ragazzi che per carisma e capacità risulteranno i più adeguati a rivestire il ruolo di peer-educator: docente/allievo. La Peer education andrà, quindi, ad attivare le risorse interne al giovane per favorirne la progettualità e renderlo punto di riferimento per i coetanei,  innescando un processo a cascata che permetta  una maggiore diffusione delle informazioni e  una valorizzazione delle risorse del gruppo dei pari.
Il primo incontro diretto con i giovani sarà lunedì 27 maggio alle ore 16 al “centro You&Me” dove avranno inizio le attività di formazione.

Autore: 
I.A.
Rubrica: 

Notizie correlate