Per la settimana di San Valentino…

Mer, 19/02/2020 - 10:00
I briganti

Questa settimana cade la tanto attesa festa di San Valentino, e io non trovo niente di meglio che proporre una poesia per la mia terra, la tanto incompresa Calabria, della quale solo qualcuno che vi è nato può comprendere il sapore. Agrodolce, questa terra mia, che tante ne ha viste e tante ancora ne ha da vedere, perché ancora tentenna e non sa se è carne o pesce. Forse tutte e due, ma è lei che lo deve decidere, nessun altro. La Calabria è terra grezza e, come un cristallo grezzo, quando si manipola perde un po' della sua forza. La Calabria deve essere fiera di se stessa, della storia e delle tradizioni. La Calabria non è Spritz e nemmeno Negroni: la Calabria è vino rosso e sarzizzi. La Calabria è una montagna piena di alberi secolari circondati da mare. È terra superstiziosa, terra sospettosa. Non è per tutti né deve esserlo. La Calabria è lingua grecanica, napolitana, un dialetto diverso ogni 5 chilometri. Chi vuole portare qui la speranza lo deve fare nel rispetto della terra. Poi viene l’uomo.

U mari nostru
Quandu u mari nostru
respira chjanu l’aria soi
non c’è pitturi
capaci pimm’u pitta
nè poeta pimm’u canta
E ghjè tutt’u stessu:
mari Picciulu e mari Grandi,
Portu e Rotonda,
Cannuni, Linguata,
Passu Cavaleri e Razzia.
Certi voti, nui trupiàni, no ’ndi ndaccorgimu
ca u guardamu ca vucca aperta:
succedi quandi pari ca sentimu na vuci chi ndi dici:
stati cca, no ’n’aviti u v’indi jàti.
E cu volarrèa mu si movi
di st’acqua trasparenti!
e sempri limpida nta tutti i momenti:
nui sulu di tea simu nnammurati.
Ambeci vui
chi veniti d’Amarica e puru di l’Olanda,
‘nzomma chi ssiti furisteri,
a mu viditi, stu mari,
sinnò no ’nci criditi
c’accusì no ’nd’avi annuia vanda.
Forsi u pensu sulu ieu
ma si u Signuri a faccia
voli mu si sciacqua
sulu cu st’acqua u poti fari.

Bruno Cimino
Poeta di Tropea

Autore: 
Brigantessa Serena Iannopollo
Rubrica: 

Notizie correlate