Operazione “Erinni” di Oppido Mamertina, venti arresti

Mar, 26/11/2013 - 10:10
Le accuse: associazione per delinquere di stampo mafioso, omicidi, intestazioni fittizie di beni e investimento di denaro di provenienza illecita nel mercato immobiliare di romano

Associazione per delinquere di stampo mafioso, omicidi, intestazioni fittizie di beni e investimento di denaro di provenienza illecita nel mercato immobiliare di romano. Queste le accuse con le quali, all’alba di questa mattina, sono state arrestate venti persone. I carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria – in base a quanto riportato da “Cn24tv” hanno fatto scattare il blitz nell’ambito dell’operazione “Erinni” contro il “locale” di 'ndrangheta di Oppido Mamertina che opera sul versante tirrenico.

I provvedimenti di fermo di indiziato di delitto sono stati spiccati dalla direzione distrettuale antimafia a seguito dell’indagine che sarebbe scattata dalla ripresa della faida che vede contrapposte la cosca "Mazzagatti-Polimeni-Bonarrigo" a quella dei "Ferraro-Raccosta", iniziata nel 1991 causando numerosi morti. Nel corso della stessa indagine – riporta sempre “Cn24tv”, nel luglio del 2012, fu catturato Domenico Polimeni, inserito nella lista dei latitanti più pericolosi d’Italia e considerato elemento di spicco della “locale” di Oppido. Ulteriori dettagli nel corso di una conferenza stampa che si terrà presso la sede del comando provinciale di Reggio Calabria alle 10,30.

Rubrica: 

Notizie correlate