Protesta sindaci Calabria per emergenza rifiuti

Ven, 31/05/2013 - 19:15

Una quarantina di sindaci calabresi hanno partecipato alla protesta promossa dal presidente regionale dell'Anci, Peppino Vallone, davanti all'assessorato regionale all'Ambiente per chiedere risposte urgenti sull'emergenza rifiuti. ''Una fase di emergenza - ha detto Vallone - non puo' essere governata con le modalita' ordinarie''. L'assessore all'ambiente Francesco Pugliano ha affermato che ''la stipula dell'accordo con Ecologia oggi potrebbe rimettere in moto gli impianti della Calabria Sud''.

I primi cittadini, molti dei quali con addosso la fascia tricolore, hanno incontrato l'assessore Pugliano, al quale hanno manifestato i disagi che i loro territori stanno vivendo e le preoccupazioni legate all'arrivo della stagione estiva. ''Siamo stati tra i primi - ha detto Vallone - ad auspicare la fine del commissariamento nel settore dei rifiuti ma una fase di emergenza come questa, con l'estate alle porte e l'avvicinarsi del caldo, non puo' essere governata con le modalita' ordinarie degli altri settori e con una burocrazia eccessiva che la Regione deve scrollarsi di dosso. Non e' concepibile che, per rinnovare un contratto a una societa' che gestisce l'80% degli impianti pubblici calabresi, si affronti il problema il giorno della scadenza del contratto e si lascino chiusi questi impianti, di per se' gia' insufficienti, a causa della burocrazia e delle formalita' per fare una proroga. Se poi prendiamo atto che non c'e' una soluzione si chiede l'aiuto della Protezione civile''.

L'assessore Pugliano ha ribadito la disponibilita' della Regione ad un confronto costante con gli amministratori locali e sottolineato le difficolta' nella gestione di una situazione ancora emergenziale nonostante 16 anni di commissariamento. ''In queste ore - ha detto Pugliano - ho verificato la stipula del verbale di accordo per la prosecuzione del rapporto con la societa' ''Ecologia Oggi'', che potrebbe rimettere in moto, nel giro di pochi giorni, gli impianti del sistema della Calabria Sud. Per questo incontreremo i sindacati per discutere la questione dei rapporti contrattuali dei lavoratori''. L'assessore regionale all'Ambiente, tuttavia, ha evidenziato che ''il sistema potrebbe tornare a bloccarsi a causa di scogli finanziari'' e ha invitato i Comuni ''a fare la propria parte per garantire gli impegni presi dalla Regione con i soggetti gestori degli impianti''. (ANSA)

Rubrica: 

Notizie correlate