Roccella: parte domani la scuola estiva di alta formazione filosofica

Mer, 19/07/2017 - 16:55

La filosofia si fa rivoluzione a Roccella Jonica, sede dell’Associazione Culturale Scholé che da anni sperimenta nuove forme di socialità e di cultura. Al tema della “Rivoluzione”, indagato secondo linguaggi e programmi di ricerca diversi, è dedicata l’ottava edizione della Scuola estiva di “altra” formazione in filosofia “Giorgio Colli”, che prenderà il via oggi 20 luglio alle 18 presso l’ex Convento dei Minimi di Roccella. L'argomento che farà da motore alle giornate verte sulla possibilità, sulla nascita del nuovo nella storia, sulla capacità di ridefinire il mondo e il genere umano.
I relatori, che animeranno le lezioni e le serate, insieme ad altri ospiti, ai partecipanti, e al gruppo di volontari che realizza la Scuola Estiva, daranno vita, come sempre, alla grande e allegra comunità di appassionati di filosofia riunita a Roccella, quella che ormai tutti conoscono come "la tribù di Scholé" e che quest'anno vede nuovi modi di incontrarsi e confrontarsi grazie agli ormai istituzionalizzati inviti alla lettura e alla novità rappresentata dai laboratori!
In questo clima, il concetto di rivoluzione sarà al centro di un discorso critico e poliedrico, articolato secondo diversi modelli e linguaggi, che comprendono la storia della filosofia e la teoria politica, l'estetica e il cinema, l'antropologia e la fisica. Si alterneranno voci di assoluto rilievo del panorama filosofico italiano, a partire dal direttore della Scuola Remo Bodei (20/07), per poi proseguire con Pietro Montani (21/07), i gramsciani Guido Liguori, Manuela Ausilio, Fabio Frosini e Fortunato Maria Cacciatore (22/07), Geminello Preterossi (23/07), Domenico Losurdo (24/07) e infine concludere con Roberto Finelli (25/07).
L'associazione Scholé organizza la Scuola in collaborazione con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli e con la Scuola di Roma dell'IISF e col sostegno del Comune di Roccella e della presidenza del Consiglio Regionale della Calabria. Scholé si fonda su pratiche di solidarietà e attività di autofinanziamento, non ha sponsor privati e, ciononostante, l’accesso ai seminari è libero e gratuito; la Scuola, infatti, si basa sul “Think sharing”, cioè su un programma di finanziamento collettivo e condiviso, cui aderisce liberamente chi sceglie di mantenere in vita l'iniziativa e la sostiene con il versamento di una quota sociale. Per allargare la partecipazione Scholé mette a disposizione un certo numero di borse di studio – quest’anno sono sei, finanziate dall’IISF –, rivolte a studenti e laureati in filosofia, al fine di coprire le spese di soggiorno. Tutte le info sono sul sito web www.filosofiaroccella.it.

Associazione Culturale Scholé

Notizie correlate