Rutta pe’ rutta, ruppimula tutta!

Lun, 06/08/2018 - 12:00
I briganti

Tratto dal famoso romanzo fantascientifico: “Quando l’Italia era una, nessuna o centomila”.
L’anno scorso mi trovavo a Milano. Mi fratturai un braccio e andai in ospedale per la medicazione. Prima di farmi i raggi per essere certi della frattura, mi fasciarono il braccio con un cartone di Pinot Nero, che portava bene (e gli faceva pure un po’ di pubblicità). Non dissi nulla perché quella era la prassi, si usava così in tutta Italia, e chi ero io per guardarli in maniera “storta”, mi avrebbero presa per terrona! Qualche anno prima mi trovavo a Venezia, covo di leghisti. E che ci posso fare, pure lì mi ruppi un piede, precisamente l’osso dell’alluce (o da quelle parti) in occasione della giornata “prendi anche tu a calci un terrone”. E prima di farmi i raggi mi incartarono la gamba col cartone della grappa Poli, e se avessi avuto molto male – dissero – mi avrebbero omaggiato con uno shottino! Pure lì non dissi nulla, anche per non farmi scoprire col mio accento, e non volevo apparire per la barbona di turno (e poi ero terrona, e avevo appena preso a calci un terrone pure io!). In entrambi i casi i raggi confermarono le fratture e, in entrambi i casi, ricevetti le firme dei medici sul gesso, più un selfy e shottino. L’altro ieri mi sono fratturata l’indice e mi hanno portata a Locri. Sono sfortunatissima, lo so! A Locri non avevano cartoni per fasciarmi e mi hanno portata con l’elicottero a Reggio, perché quella era la prassi. A Reggio non hanno trovato nemmeno un cartone, perché tutti quelli rimasti erano stati richiesti dagli ospedali del nord, e quindi mi avrebbero solo messo una semplice fascia in attesa dei raggi. Ma io volevo il mio cartone! Ho aspettato indignata e ho pensato che mai e poi mai sono stata trattata così male come a Reggio, e che, fortunatamente, al nord ti trattano meglio! Mi sono ripromessa di cercare tutti i coupon dei giornali per vincere più cartoni possibile da inviare là dove davvero ti trattano con dignità. Eccheccavolo! Al nord sì che i cittadini si indignano e fanno le rivoluzioni se non hanno i cartoni negli ospedali!

Autore: 
Brigantessa Serena Iannopollo
Rubrica: 
Tags: 

Notizie correlate