Sventata estorsione ai danni di un medico dell'ospedale di Locri

Mer, 20/04/2016 - 15:46

Il personale del Commissariato di Ps di Siderno, con l'ausilio di personale del Commissariato di Bovalino, ha sventato una estorsione aggravata compiuta ai danni di un medico originario di Casignana, che lavora all'ospedale di Locri e che vive a Siderno. La dottoressa, una settimana fa, aveva iniziato a ricevere messaggi sms di minacce a danno suo e dei suoi congiunti. La donna ha subito denunciato l'estorsione alla Polizia, nella quale gli venivani richiesti 35 mila euro in contanti. A quel punto come da copione cinematografico la donna d'accordo con le forze dell'ordine accettava di pagare quanto richiesto e sempre via sms eseguiva le istruzioni. Una volta avuta prontezza del luogo e dell'ora di consegna i poliziotti si appostavano 12 ore prima presso la fontana Aranghea del Comune di Sant'Agata del Bianco. La brillante operazione che ne è seguita ha portato all'arresto nel Comune di Sant'Agata del Bianco in flagranza del reato di estorsione aggravata di Bonifazio Giulio Rocco, di Casignana e denunciato per concorso nel medesimo reato B.C, R.G. e C.M. Nello specifico, a seguito della denuncia presentata presso gli uffici del Commissariato di Siderno, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Locri ha autorizzato l'espletamento di attività tecnica sulle utenze cellulari interessate dall'attività estorsiva e E.M, è stata guidata dagli inquirenti nella risposta ai predetti messaggi al fine di simulare la volontà di cedere alle richieste dei rei e concordare tempi e modalità di consegna del denaro. La consegna è stata fissata dagli estorsori per la mattinata di venerdi scorso presso la fontana Aranghea del Comune di Sant'Agata del Bianco. Nelle ore immediatamente precedenti la Polizia di Stato ha artatamente predisposto una borsa contenente denaro fac-simile occultato tra banconote genuine e il luogo della consegna del denaro è stato oggetto di appostamento nella notte precedente l'arresto da parte del personale operante. Il Bonifazio è stato arrestato subito dopo aver preso con sè la borsa contenente il denaro lasciata sul luogo dalla E.M, la quale si è trovata costantemente sotto il vigile controllo degli Operatori della Polizia di Stato. All'arresto, è seguita la perquisizione di una autofficina in Sant'Agata del Bianco, proprietà di C.M., luogo dove lavorava il Bonifazio, dove è stata rinvenuta la matrice della sim card utilizzata dagli estorsori per le richieste di denaro. Ne è conseguita altresì l'identificazione di altri due soggetti che avrebbero concorso con il Bonifazio nella realizzazione del reato. Il Bonifazio, su disposizione della Procura della Repubblica di Locri è stato tradotto presso la locale Casa Circondariale mentre B.C., T.G.e C.M. sono stati denunciati a piede libero per concorso nel reato di estorsione aggravata. Al momento la dottoressa è stata posta sotto scorta. Durante la conferenza stampa tenuta stamane dal dirigente del Commissariato di Siderno è stato evidenziato l'importanza del denunciare alle forze dell'ordine ogni genere di sopruso subito.

Rubrica: 

Notizie correlate