Tipografic: 140 anni di reclusione a 21 imputati

Sab, 27/07/2019 - 11:30

Si è concluso nelle scorse ore il processo “Tipografic”, con il quale il Tribunale di Locri ha inflitto a 21 condanne per un totale di 140 anni di reclusione, 25 dei quali a Giuseppe Jerinò “Manigghjia”. Il procedimento penale è l’esito di una maxi inchiesta che partì con la denuncia di un imprenditore che nel 2009 finì preda degli usurai. Dopo tre giorni di camera di consiglio sono risultate 15 le assoluzioni e una la prescrizione in primo grado, mentre, a fronte del mezzo milione di risarcimenti chiesto dalla procura, la multa per gli imputati è risultata di 190mila Euro. La Procura antimafia reggina, rappresentata dal sostituto Giovanni Calamita, contestava a vario titolo i reati di associazione mafiosa, estorsione, usura ed esercizio abusivo del credito con l'aggravante del metodo mafioso agli imputati residenti fra Gioiosa Jonica, Marina di Gioiosa e Siderno. La maxioperazione “Tipografic”, chiamata anche “Acero bis” o “Millepiedi” venne eseguita congiuntamente dai militari della Guardia di finanza di Reggio Calabria e dello Scico di Roma, e dai Carabinieri del Ros, del comando provinciale e dello Squadrone Eliportato “Cacciatori di Calabria”, coordinati dalla Dda reggina. L’imprenditore gioiosano che ha fatto scattare l’inchiesta era finito nelle mani di un gruppo di usurai che secondo gli investigatori chiedevano tassi fino al 15% mensile, e dal 40% a circa il 500% annuo, cifre insostenibili che hanno portato alla disperazione il debitore, oggi testimone di giustizia sentito nel corso del dibattimento e ritenuto credibile anche dai giudici che hanno disposto in suo favore il riconoscimento dei danni. Tra i reati contestati dalla Dda ad alcuni imputati c’è l’appartenenza al “Crimine”, nella sua articolazione della “locale” di Gioiosa Jonica, che secondo l’accusa sarebbe articolata in più componenti criminose suddivise per territorio, quali la ‘ndrina di Gioiosa “centro”, quella di contrada Prisdarello, quella della zona di “Giardini”, quella della zona di Bemagallo e quella di Martone. Il reato associativo non è stato riconosciuto per alcuni imputati che sono stati assolti. Il tribunale ha riconosciuto il risarcimento dei danni per la Regione, il Comune di Gioiosa Jonica, l’associazione “La verità vive onlus”, la fondazione antiusura “Interesse Uomo” e altri soggetti privati.

I condannati:
Francesco BARBIERO: 4 anni
Salvatore BUTTIGLIERI: 1 anno
Luigi CHERUBINO: 9 anni
Rocco DEMASI: 5 anni
Giuseppe DEMASI: 4 anni
Corrado FRANZÉ: 4 anni 6 mesi
Rocco FORTUNIO: 5 anni
Carlo IERINÒ: 4 anni 6 mesi
Giuseppe JERINÒ: 25 anni
Maria JERINÒ: 4 anni 6 mesi
Giuseppe V. INFUSINI 11 anni 10 mesi
Maurizio LOGOZZO: 4 anni 6 mesi
Rocco MACRÌ: 4 anni
Vincenzo MESITI: 6 anni 6 mesi
Rocco NOVEMBRE: 1 anno (pena sospesa)
Rocco OPPEDISANO: 1 anno (pena sospesa)
Rocco RODINÒ: 13 anni 6 mesi
Salvatore RODINÒ: 13 anni
Pasquale SCALI: 6 anni 6 mesi
Nicola A. SIMONETTA: 6 anni
Santa URSINI: 4 anni 6 mesi

Prescrizione:
Giorgio JERINÒ

Gli assolti:
Filippo BENCI
Massimiliano FORTUNIO
Domenico Antonio JERINÒ
Franco JERVASI
Giuseppe LOCCISANO
Giuseppe LUPOI (deceduto)
Teresa OPPEDISANO
Vincenzo PARRELLI
Salvatore PROTA
Teresa PROTA
Luigi RACCO
Armando NAPOLI
Vincenzo SAINATO
Natale SCALI
Pasquale ZAVAGLIA

Fonte: Gazzetta del Sud

Rubrica: 

Notizie correlate